Cerca
  • Gioia Simoni

Saper dire "no". Ecco a cosa serve e perché

Per riuscire a dire "no" è necessario avere un adeguato equilibrio interiore tale da consentirti di far valere i tuoi diritti e il tuo pensiero senza alcuna prevaricazione nei confronti altrui e senza distruggere te stess*.


Saper dire "no" ti aiuta a mantenere il rispetto nei tuoi confronti, non agendo contro la tua reale volontà, i tuoi bisogni, desideri e talvolta anche contro la tua etica.

Il vero e sano rispetto per gli altri passa, prima, attraverso il rispetto che hai di te stess*.


Vedi, non si tratta di egoismo come molti pensano. "Se dico no, sono egoista e penso solo a me". Affatto.

Dire no, non significa essere individui egoisti ma persone in grado di stabilire delle giuste distanze fra sé e gli altri, persone in grado di riflettere sulle proprie esigenze e su quelle altrui, persone capaci di valutare ciò che è giusto, opportuno oppure esagerato e malsano.


Sappi che un "sì" può essere molto peggio.

Dire "sì" quando avresti desiderato dire "no", ti mette in una condizione di ansia, stress, disagio, rabbia, fastidio e conseguente scarsa autostima e poca fiducia in te.

"Non riesco mai a dire no"

"Faccio sempre quello che vogliono gli altri"

"Mi passa sopra chiunque"... sono solo alcune delle frasi che più spesso sento dire dai miei pazienti.


Attenzione, però: pensaci.

Hai forse avuto una pistola puntata alla tempia?

Era forse questione di vita o di morte oppure anche tu ci hai messo del tuo?

In queste situazioni, spesso chi accetta di fare qualcosa che non voleva fare, lo fa per un incoscio bisogno di essere sempre accettat* e benvolut*.

Si tratta di bisogni e forme di difesa personali anche importanti, che andrebbero valutati con l'aiuto di uno psicologo o psicoterapeuta.


Un "no" detto in modo corretto e con comunicazione assertiva, aiuta sia te che la persona che lo riceve.

Non sottovalutare la positività del "no": è sufficiente che tu rifletta su quanto sia educativo il no nella crescita dei bambini (ma, sappi, anche negli adulti!).


Impara ad usare la comunicazione assertiva per far valere i tuoi diritti ma, prima di ogni altra cosa, è bene che tu abbia ben chiaro chi sei, cosa vuoi, quali sono le tue esigenze, i tuoi bisogni, i tuoi gusti, insomma devi conoscerti bene per poter tutelare te stesso.

Sii tu per prim* la tua difesa più corretta.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti